A PHP Error was encountered

Severity: Notice

Message: Only variable references should be returned by reference

Filename: core/Common.php

Line Number: 239

Supporting Prophet Muhammad website - La giustizia del Profeta Muhammad con le sue mogli:



Subscribe in mailing list
عربي English עברית Deutsch Italiano 中文 Español Français Русский Indonesia Português Nederlands हिन्दी 日本の
conoscere Allah Il Potente l'Altissimo
  
  


La sua giustizia era, infatti, scaturita dal suo sentimento di responsabilit
à e dalla sua pura natura anche della sua missione in quanto a veridicità e giustizia.

 

1.      Aisha (che Allah sia soddisfatto di lei) disse: “Egli non preferiva nessuna nella partizione del suo soggiorno da noi. Egli ha raramente lasciato un giorno senza passare da ogni donna di noi, ma senza avere relazioni sessuali finché arrivasse alla donna con cui dove passare la sua notte e dormiva da lei” Narrato da Abu-Dawud.

 

2.      La giustizia, per il Profeta, non cambiava a seconda dei i suoi stati in viaggio o durante la sua presenza! Aisha disse: “Il Messaggero di Allah (Pace e Benedizione su di Lui), se voleva viaggiare, sorteggiava tra le sue mogli e prendeva in compagnia quella scelta dalla la sorte. Egli parteggiava per ogni moglie la sua giornata e la sua notte ma Sauda Bint Zam’a, preferendo la soddisfazione del Messaggero di Allah, donò la sua partizione a Aisha, specialmente quando invecchiò e non aveva più stimoli per gli uomini” Narrato da al-Bukhari.

 

3.      Quando il Messaggero di Allah (Pace e Benedizione su di Lui) sposava una “Thayb” (donna non vergine), rimaneva da lei tre giorni per creare un atmosfera di familiarità e confidenza. Poi parteggiava per lei ugualmente come le altre. Um-Salama narrò che quando si sposò con lei il Profeta, rimase da lei tre giorni. E le disse: “Non sei insignificante; se desideri, rimarrò con te sette notti, ma se lo faccio, dovrò fare lo stesso con le altre mie mogli”. Allora, gli rispose: vanno bene tre!” Narrato da Muslim.

 

4.      Perfino durante la sua malattia prima di morire, era equo; poiché passava da loro, ognuna nella sua casa e nel suo turno. Ma quando la malattia si aggravò, chiese loro il permesso per rimanere da Aisha per assisterlo, e loro glielo hanno concesso. Narrato da Al-Bukhari.

 

5.      In un altro racconto, Aisha dice: “Il Profeta, nei giorni della sua malattia in punto di morte, chiedeva: Dove sarò domani? Siccome voleva stare con Aisha, le altre mogli gli permisero di stare dove voleva, e rimase con lei fino alla sua morte!” Aisha disse: “è morto durante il mio turno! Quando morì, la sua testa era sul mio petto e la sua saliva era mista con la mia”  Narrato da al-Bukhari.

 

 

6.      Nonostante era giusto con le sue mogli rispetto tutto ciò che aveva nelle sue mani, chiedeva scusa al Suo Signore di esonerarlo da tutto ciò che era al di fuori delle sue capacità, pregando: “O mio Signore, questa è la mia partizione in cui possiedo, non mi Rimproverare per quello che possiedi Tu e non io! ” Narrato da Abu-Dawud.

 

Abu-Dawud spiegò il detto precedente dicendo che il Profeta si riferiva  al cuore. Mentre, At-Tirmidhi spiegò che si trattava dell’amore e l’affetto.

 

 

In altre parole, il Messaggero di Allah (Pace e Benedizione su di Lui) s’impegnò giustamente per quel che riguarda la partizione corporale perché era nelle sue capacità; mentre il cuore, invece, è nelle mani di Allah in cui rese l’amore per Aisha maggiore delle altre, e questo è fuori della sua capacità e volontà! 

 

Ciononostante, egli supplica Allah di non rimproverarlo per ciò che non è nelle sue mani! Visto che la questione cordiale non richiede giustizia, ma la richiedono il soggiorno e il mantenimento, conformemente a ciò che si può tradurre come: “Che danno quello che danno con cuore colmo di timore, pensando al ritorno al loro Signore” (TSC-[1] Sura XXIII , Versetto 60)

 

  1. Tra l’altro, la prova che assicura la pericolosità della questione (della giustizia con le mogli) un altro Hadith ove il Profeta (Pace e benedizione su di lui) dice: “Chiunque avesse due mogli e non le avesse trattate giustamente, verrebbe nel Giorno del Giudizio con un lato cadente” e in un altro racconto“obliquo” . Narrato da Abu-Dawud e altri.


Questo è davvero uno splendido esempio rispetto alla giustizia e l’uguaglianza da riconoscere e da imitare, riguardo ciò che ha detto il Corano: “Avete nel Messaggero di Allah un bell'esempio per voi, per chi spera in Allah e nell'Ultimo Giorno e  ricorda Allah frequentemente”, (TSC, Sura XXXIII, Versetto 21)

Dato che i detti del Profeta (Pace e benedizione su di lui) sono come i suoi fatti e approvazioni; sono legislatura per la sua Ummah e una guida per lei,  che deve imitare in tutto eccetto quello che è privato per Lui.

 



[1] TSC= traduzione del significato del Corano. Questa è la traduzione del significato concordato fino adesso del versetto indicato nella Sura. La lettura della traduzione del significato del Corano, con qualsiasi lingua, non può sostituire mai la sua lettura in lingua araba; poiché questa è la lingua in cui è stato rivelato.






Bookmark and Share


أضف تعليق
You need the following programs: الحجم : 2.26 ميجا الحجم : 19.8 ميجا