A PHP Error was encountered

Severity: Notice

Message: Only variable references should be returned by reference

Filename: core/Common.php

Line Number: 239

Supporting Prophet Muhammad website - Gli atti di Sunna verbali nella preghiera



Subscribe in mailing list
عربي English עברית Deutsch Italiano 中文 Español Français Русский Indonesia Português Nederlands हिन्दी 日本の
conoscere Allah Il Potente l'Altissimo
  
  

 

Gli atti di Sunna verbali nella preghiera

 

1-L’invocazione di apertura: ossia dire dopo Takbirarat al Ihram (il Takbir di apertura): “Subhânaka allahumma wa bihamdika wa tabâraka ismuka wa ta‘âla jadduka wa la ilâha ghayruka (Gloria e Lode a Te, oh Allah, sia benedetto il Tuo nome ed esaltata la Tua maestà, e non c’è Dio al di fuori di Te)”. [An-Nasâ’î, At-Tirmidhî, Abû Dâwûd e Ibn Mâja]

*Oppure quest’altra invocazione: (Allahumma bâ‘id bayni wa bayna khatâyâya kama bâ‘adta bayna al mashriqi wal maghrib, allahumma naqqini min khatâyâya kama iunaqqa az-zawb al abyad min ad-danas, allahumma aghsilni min khatâyâya biz-zalji wal mâ’i wal barad (O Allah, metti una grande distanza tra me e i miei peccati così come la distanza che hai reso tra l’Oriente e l’Occidente. O Allah, purificami dai miei peccati come si purifica il vestito bianco dalla sporcizia. O Allah, lava via i miei peccati con neve, acqua e grandine)”. [Al Bukhârî e Muslim]

Il musulmano sceglie una delle suppliche da recitare durante l’apertura (della preghiera) e la dice.

 

 

2-Chiedere rifugio prima di cominciare a recitare [una sura], dicendo: “A‘ûdhu billâhi min ash-shaytân ar-rajîm (Mi rifugio in Allah da Satana lapidato)”.

 

 

3-La Basmala, ossia dire: “Bismillâhi ar-rahmâni ar-rahîm (In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso)”.

 

 

4-Dire Amen, dopo Al-Fâtiha (L'Aprente).

 

 

5-Recitare una Sura dopo Al-Fâtiha nelle prime due Rak‘at (Pl. di Rak‘a) del Fajr (Preghiera dell’alba), Jumu‘a (Preghiera del venerdì), Maghrib (Preghiera del tramonto), le peghiere consistenti in quattro Rak‘at e quelle volontarie; tutto ciò riguardo colui che prega individualmente, mentre che se si esegue la preghiera in congregazione dietro a un Imam, allora si recita soltanto in quella che si svolge a voce bassa (in silenzio), e non in quella a voce alta.

 

 

6-Dire: “Mil’ as-samawâti wa mil’ al ardi wa ma baynahuma, wa mil’ ma shi’ta min shay’în ba‘da, ahl az-zanâ’i wal majdi, ahaqqa ma qâla al ‘abda, wa kulluna laka ‘abd, allahumma la mâni‘ lima a‘tayta wa la mu‘ti lima mana‘ta wa la ianfa‘ dhal jadd minka al jadd(Che riempia i cieli, che si riempia la terra e qualunque cosa Tu voglia, oh Allah. Tu sei quello che più merita lode e glorificazione, (questa) è la cosa più sana che un servo possa dire, e noi siamo tutti Tuoi servi. Nessuno può negare ciò che Tu dai e nessuno può dare ciò che Tu trattieni, e nessuna ricchezza o maestà può avvantaggiare qualcuno, poichè Tua è la ricchezza e la maestà)” [Muslim] , dopo che ci si alza dal Rukû‘, e aggiungere: “Rabbana wa lakal hamd (Oh Signore, a Te appartiene la lode)”.

 

 

7-Dire più di una volta il Tasbih del Rukû‘ (inchinarsi in avanti) e del Sujûd (prostrazione).

 

 

8- Dire più di una volta “Rabbi ighfirli (Oh Signore mio, perdonami)” tra le due prostrazioni.

 

 

9-L’invocazione dopo l’ultimo Tashahhud: “Allahuma inni a‘ûdhu bika min ‘adhâb jahannam wa min ‘adhâbal qabri wa min fitnatal mahyâ wal mamâti wa min fitnatal masîh ad-dajjâl (Oh Allah, mi rifugio in Te dalla punizione dell’Inferno e da quella della tomba, dalle prove della vita e della morte e dalla prova del Dajjal [Anticristo])”. [Al Bukhârî e Muslim]

*Si raccomanda che il musulmano non si limiti al Tasbih nel Sujûd, bensì che aggiunga quante invocazione di sua scelta desideri; secondo il Hadith (detto profetico) seguente: “Il servo è più vicino al suo Signore quando è prostrato, così fate tanto Du‘aa (supplica)”. [Muslim]

*Esistono altre suppliche da recitare. Per ulteriori informazioni, si può consultare il libro “Hisnul muslim (La fortezza del musulmano)” di Al Qahqtani.

*Tutte le Sunne verbali (di parole) si eseguono in ogni Rak‘a, salvo la supplica di apertura e quella dopo il Tashahhud.

*Se si applicano tutte le Sunne verbali nella preghiera obbligatoria, che è composta da [17] Rak‘at, il totale sarà di [136] atti di Sunna, se diciamo che ci sono otto Sunne che si ripetono in ogni Rak‘a.

*Mentre che il totale nella preghiera volontaria, che è composta da [25] Rak‘at, secondo ciò che abbiamo dimostrato nelle preghiere volontarie che si eseguono durante il giorno e la notte, sarà di [175] atti di Sunna da applicare nelle Rak‘at volontarie, le quali possono aumentare nel Qyam (preghiera volontaria notturna) e il Duha (preghiera volontaria che si esegue a metà mattina), così che il musulmano aumenta la sua applicazione di queste Sunne.

*Per quanto riguarda le Sunne verbali che si ripetono nella preghiera una volta sola, sono:

1-L’invocazione di apertura.

2-L’invocazione  di apertura dopo il Tashahhud.

Per tanto, il totale degli atti di Sunna nella preghiera obbligatoria, è [10].

*D’altra parte, nelle preghiere volontarie che si effettuano durante il giorno e la notte e si ripetono in esse queste due Sunne, il totale è di [24] atti di Sunna, che può aumentare nella preghiera volontaria del Qyam, il Duha o il saluto alla moschea; e per tanto, si aumenta l’applicazione di queste Sunne che si ripetono nella preghiera una volta sola, ricevendo così più ricompensa e afferrandosi di più alla Sunna (del Profeta, pace e benedizione su di lui).






Bookmark and Share


أضف تعليق
You need the following programs: الحجم : 2.26 ميجا الحجم : 19.8 ميجا